Menu

  ARCHIVIO BOLLUT
  BOLLUT 001
  BOLLUT 002
  BOLLUT 003
  BOLLUT 004
  BOLLUT 005
  BOLLUT 006
  BOLLUT 007
  BOLLUT 008
  BOLLUT 009
  BOLLUT 010
  BOLLUT 011
  BOLLUT 012
  BOLLUT 013
  BOLLUT 014
  BOLLUT 015
  BOLLUT 016
  BOLLUT 017
  BOLLUT 018
  BOLLUT 019
  BOLLUT 020
  BOLLUT 021
  BOLLUT 022
  BOLLUT 023
  BOLLUT 024
  BOLLUT 025
  BOLLUT 026
  BOLLUT 027
  BOLLUT 028
  BOLLUT 029
  BOLLUT 030
  BOLLUT 031
  BOLLUT 032
  BOLLUT 033
  BOLLUT 034
  BOLLUT 035
  BOLLUT 036
  BOLLUT 037
  BOLLUT 038
  BOLLUT 039
  BOLLUT 040
  BOLLUT 041
  BOLLUT 042
  BOLLUT 043
  BOLLUT 044
  BOLLUT 045
  BOLLUT 046
  BOLLUT 047
  BOLLUT 049
  BOLLUT 050
  BOLLUT 052
  BOLLUT 053
  BOLLUT 054
  BOLLUT 055
  BOLLUT 056
  BOLLUT 057
  BOLLUT 058
  BOLLUT 059
  BOLLUT 060
  BOLLUT 061
  BOLLUT 062
  BOLLUT 063
  BOLLUT 064
  BOLLUT 065
  BOLLUT 066
  BOLLUT 067
  BOLLUT 068
  BOLLUT 069
  BOLLUT 070
  BOLLUT 071
  BOLLUT 072
  BOLLUT 073
  BOLLUT 074
  BOLLUT 075
  BOLLUT 076
  BOLLUT 077
  BOLLUT 078
  BOLLUT 079
  BOLLUT 080
  BOLLUT 081
  BOLLUT 082
  BOLLUT 083
  BOLLUT 084
  BOLLUT 085
  BOLLUT 086
  BOLLUT 087
  BOLLUT 088
  BOLLUT 089
  BOLLUT 090
  BOLLUT 091
  BOLLUT 092
  BOLLUT 093
  BOLLUT 094
  BOLLUT 095
  BOLLUT 096
  BOLLUT 097
  BOLLUT 098
  BOLLUT 099
  BOLLUT 100
  BOLLUT SOST 003
  BOLLUT SOST 004
 
 
 

Bollut 028

www.bollutnet.org 
Gennaio 2009

 
Indice:

01 Editoriale

02 Intervista ad Antonio Carrabba

03 Diritti umani: Christa Wolf: Dal Pluralismo al Multiculturalismo

04 Diritti umani: Dieter Kampen: Martin Luther King

05 Seminario teologico 2009 (ultimo avviso!)

06 Pensiero del mese: Martin Luther King: Mezzi e fine
 
 
01. Editoriale
 
Gentili lettori,
un saluto particolarmente caloroso per il nuovo anno che speriamo sarà accompagnato da una costante riflessione teologica magari ispirata da qualche articolo dei Bollut. Intanto ci troviamo in mezzo alla settimana di preghiera per l'unità dei cristiani che, auspico, lascia sperimentare anche a voi qualche incontro di sincera fraternità e unione.
Buona anno!
Vostro Dieter Kampen (DK)

 
02  Intervista ad Antonio Carrabba
 
D.: Potresti presentarti brevemente ai nostri lettori?
R.: Mi chiamo Antonio Carrabba ed ho 59 anni. Sono stato battezzato e sono cresciuto nell’ambiente cattolico.
Sono stato ex seminarista, presso il seminario cattolico a Napoli e, da un punto di vista lavorativo, sono anche stato carabiniere e vigilie del fuoco.
Attualmente sono impiegato comunale a Torre del Greco, dove vivo.
Nel 1980 emigrai in America, a Brooklyn, dove ho conosciuto il protestantesimo frequentando prima la chiesa battista e poi la chiesa metodista. Tali esperienze mi portarono a convertirmi.
Ritornato in Italia nel 1987 iniziai a frequentare la chiesa luterana a Santa Maria la Bruna (frazione di Torre del Greco) diventando membro della chiesa luterana locale grazie alla confermazione fatta verso il 1995/6 nella comunità di Torre Annunziata.
Il protestantesimo ha dato una svolta importante alla mia vita, cosa di cui ora ne sono orgoglioso e felice, eliminando quelle posizioni di violenza ed aggressività dalle quali ero stato contaminato per via del lavoro che svolgevo.

D.:In Novembre hai partecipato al nuovo corso italiano per predicanti. Raccontaci su questo incontro.
R.: L’incontro si è svolto a Roma e lì vi ho trovato amicizia, fratellanza, umiltà e ospitalità.
Mi sono sentito rivivere in un ambiente “pulito” e molto vicino al nostro Signore.

D.: Perché hai voluto partecipare al corso?
R.: Ho voluto partecipare a questo corso, per poter essere parte attiva e “riconosciuta” in riguardo alla predicazione. Inoltre, con il tempo, questa era diventata una mia esigenza spirituale dovuta anche alla scelta di appartenere in modo specifico ad una Comunità ben precisa. Mi auguro, con l’aiuto di Dio, di poter ben riuscire in questa chiamata. Dopo il lavoro, cerco sempre l’occasione per portare la conoscenza del Vangelo al mio prossimo, in particolar modo ai giovani.

D.: Qual’era il tuo cammino spirituale che ti ha portato alla Chiesa luterana?
R.: Le mie esperienze e i miei studi mi hanno portato alla conclusione, che il mio cammino verso la parola di Dio doveva essere quello di seguire il sentiero tracciato dal nostro “Martin Luter”che tanto ha combattuto per la vera fede nel nostro Signore.

D.:Quale messaggio, secondo te, dovrebbe annunciare oggi la Chiesa luterana in Italia?
R.: La chiesa luterana in Italia dovrebbe avvicinare di più i giovani e far capire ad essi, che il Signore li ama e che vuole tenerli stretti al proprio cuore e star loro sempre vicino nella sofferenza, nella gioia e nell’amore.
Sarebbe bello, se tutti noi trovassimo un po’ di tempo per pregare, dove nessuno ti può vedere, al buio e invocare: “Signore, ho tanto sentito parlare di Te, vieni anche a me e non lasciarmi mai. Dammi il tuo amore e fammi rinascere a nuova vita.”
Io l’ho fatto e sono rinato a nuova vita. Ho il Signore nel mio cuore ed ho tutta la ricchezza del mondo; non ho bisogno più di niente.

 
03 Diritti umani: Christa Wolf: Dal Pluralismo al Multiculturalismo
 
Nel 2008 si è celebrato il 60. anniversario dei diritti umani. Molti incontri e conferenze si sono tenuti per ricordare che i diritti umani sono in continua evoluzione, che in molti parti del mondo non sono ancora rispettati e che anche in Europa rischiano continuamente di non essere sempre applicate. Ecco qui un intervento della Pastora Wolf che in parte è già stato pubblicato in Miteinander/Insieme, ma che qui è disponibile nella versione integrale. (DK)
04 Diritti umani: Dieter Kampen: Martin Luther King
 
Sempre nel quadro della ricorrenza del 60. anniversario dei diritti umani potete leggere qui un mio intervento su Martin Luther King, di cui l'anno scorso abbiamo ricordato i 40 anni dalla morte, mentre quest'anno ricorrono gli 80 anni dalla nascita.
05 Seminario teologico 2009 (ultimo avviso!)
Avendo calcolato i tempi dell'iscrizione troppo generosamente, prego tutti gli interessati di non iscriversi all'ultimo momento, ma possibilmente subito, affinché possiamo riservare il numero delle stanze necessario. Grazie per la collaborazione!

Seminario di teologia per “non teologi”
Roma: Casa Valdese, Via Alessandro Farnese 18 – I-00192 Roma,
Tel. +39 06-3215362, Fax +39 06-3211843, E-mail: casavaldese@tiscali.it

Anche quest’anno la Chiesa Evangelica Luterana in Italia organizza per giovani italiani (ed ex giovani interessati) un seminario di formazione teologica.
L’incontro avrà luogo a Romapresso la Casa Valdese nel fine settimana del 20-22 marzo 2008.
Il seminario sarà guidato dal pastore valdese dr. Emanuele Fiume (Sola Scriptura. Unica fonte e unica misura) e dai pastori luterani Dieter Kampen (La giustificazione per sola grazia) e Alberto Saggese (Come interpretare la Bibbia? Introduzione all'esegesi all'esempio di una parabola).
Il seminario è gratuito e i costiper il soggiorno (pasti inclusi) sono di Euro 150 a persona in stanza singola, di Euro 120 in stanza doppia, di Euro 100 in stanza tripla e Euro 50 per la partecipazione senza pernottamento (pranzi e cene incluse).
Le prenotazioni devono pervenire entro il 10 febbraio 2008 presso il Decanato della CELI all’e-mail: decanato@chiesaluterana.it o al fax: 06 66017993. Il numero dei posti disponibili è limitato.
L'incontro avrà inizio nel pomeriggio di venerdì e terminerà domenica dopo il culto e il pranzo.
Per ulteriori informazioni contattare il decanato al numero 06 66030104. Per l’iscrizione utilizzare il modulo allegato.
Questo seminario è finanziato in parte con i fondi dell'otto per mille alla Chiesa evangelica luterana in Italia.

Clicca qui per aprire il modulo d'iscrizione.

Per avere un impressione del seminario dell'anno scorso, vedi Bollut 019 seguenti.
 
 
06 Pensiero del mese: Martin Luther King: Mezzi e fine
 
„Se leggete Mein Kampf con particolare attenzione, scoprirete che Hitler sosteneva che tutto quello che faceva in Germania era per la pace. E i capi del mondo di oggi parlano con grande eloquenza della pace. Ogni volta che lasciamo cadere una nostra bomba sul Vietnam, il presidente Johnson parla con grande eloquenza della pace. Qual è il problema? Essi parlano della pace come una meta lontana, come il fine da ricercare, ma un giorno dovremo giungere a comprendere che la pace non e la meta lontana che noi ricerchiamo, ma è il mezzo attraverso il quale vi arriviamo. Dobbiamo perseguire fini pacifici attraverso mezzi pacifici. Tutto questo ci dice che, in ultima analisi, i mezzi e i fini devono essere coerenti, perché il fine preesiste ai mezzi e, in ultima analisi, i mezzi distruttivi non potranno mai portare a fini costruttivi.“

Citato da: Paolo NASO, a cura di, L’”altro” Martin Luther King, Torino, Claudiana Editrice, 1993, pag.174
 
 
     
     
 
Consulenza Internet, Preventivo Sito