Menu

  ARCHIVIO BOLLUT
  BOLLUT 001
  BOLLUT 002
  BOLLUT 003
  BOLLUT 004
  BOLLUT 005
  BOLLUT 006
  BOLLUT 007
  BOLLUT 008
  BOLLUT 009
  BOLLUT 010
  BOLLUT 011
  BOLLUT 012
  BOLLUT 013
  BOLLUT 014
  BOLLUT 015
  BOLLUT 016
  BOLLUT 017
  BOLLUT 018
  BOLLUT 019
  BOLLUT 020
  BOLLUT 021
  BOLLUT 022
  BOLLUT 023
  BOLLUT 024
  BOLLUT 025
  BOLLUT 026
  BOLLUT 027
  BOLLUT 028
  BOLLUT 029
  BOLLUT 030
  BOLLUT 031
  BOLLUT 032
  BOLLUT 033
  BOLLUT 034
  BOLLUT 035
  BOLLUT 036
  BOLLUT 037
  BOLLUT 038
  BOLLUT 039
  BOLLUT 040
  BOLLUT 041
  BOLLUT 042
  BOLLUT 043
  BOLLUT 044
  BOLLUT 045
  BOLLUT 046
  BOLLUT 047
  BOLLUT 049
  BOLLUT 050
  BOLLUT 052
  BOLLUT 053
  BOLLUT 054
  BOLLUT 055
  BOLLUT 056
  BOLLUT 057
  BOLLUT 058
  BOLLUT 059
  BOLLUT 060
  BOLLUT 061
  BOLLUT 062
  BOLLUT 063
  BOLLUT 064
  BOLLUT 065
  BOLLUT 066
  BOLLUT 067
  BOLLUT 068
  BOLLUT 069
  BOLLUT 070
  BOLLUT 071
  BOLLUT 072
  BOLLUT 073
  BOLLUT 074
  BOLLUT 075
  BOLLUT 076
  BOLLUT 077
  BOLLUT 078
  BOLLUT 079
  BOLLUT 080
  BOLLUT 081
  BOLLUT 082
  BOLLUT 083
  BOLLUT 084
  BOLLUT 085
  BOLLUT 086
  BOLLUT 087
  BOLLUT 088
  BOLLUT 089
  BOLLUT 090
  BOLLUT 091
  BOLLUT 092
  BOLLUT 093
  BOLLUT 094
  BOLLUT 095
  BOLLUT 096
  BOLLUT 097
  BOLLUT 098
  BOLLUT 099
  BOLLUT 100
  BOLLUT SOST 003
  BOLLUT SOST 004
 
 
 

Bollut 065

www.bollutnet.org 
Maggio 2012

 
Indice:

01. Editoriale

02. Nicola Tedoldi: Dictata super Psalterium, parte I

03. Kerstin Vogt: Donne e chiesa

04. Sottoscrizione terremoto
 
05.Intervista Decano
 
06. ASLI: Seminario teologico e convegno teologico

07. Viaggio CELI in Slovenia e Ungheria

 
01. Editoriale
 
Gentili Bolluttori,
Miteinander/Insieme ha già preparato una presentazione dei nuovi membri del Concistoro e della presidenza del Sinodo. A chi non lo sapesse ricordo che è possibile leggere la rivista sul sito della CELI: http://www.chiesaluterana.it/category/rivista/. Il presenta Bollut si occupa di altro. Sono lieto di poter annunciare l’inizio di una nuova serie di articoli, incentrato sul camino di fede di Lutero nella sua interpretazione dei Salmi, a cura di Nicola Tedoldi. Tedoldi, 43enne dottore in chimica residente nella provincia di Parma, è sposato con due figli e studia teologia mediante il corso a distanza della Facoltà Valdese. La Pastora Vogt di Verona-Gardone invece ci mette a disposizione una relazione sul ruolo delle donne nella chiesa evangelica. Ringrazio ambedue e auguro a tutti:
Vostro Dieter Kampen (DK)
 
 
02. Nicola Tedoldi: Dictata super Psalterium, parte I
 
Cari Bolluttori, inizia con questo mese una serie di studi che parlano del Lutero meno conosciuto (almeno alla maggior parte dei cristiani italiani), quello che nel 1913 inizia la sua attività accademica esplorando il Libro dei Salmi.
Dalle sue lezioni all’università di Wittemberg uscirà la sua prima opera, i Dictata super Psalterium, in cui inizia ad intravedersi il pensiero del futuro Riformatore. Quale posto occupino i Dictata nello sviluppo del pensiero di Lutero non è ancora chiaro, ma è certo che queste pagine sono piene di spunti che aprono l’orizzonte sul suo pensiero teologico.
Buono studio!
Nicola Tedoldi.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ai confini della civiltà”.
Wittemberg era la capitale del piccolo ducato di Sassonia-Wittemberg, situata 150 Km a nord-est di Eisleben, città natale di Martin Lutero, sede residenziale del principe elettore di Sassonia dal 1485.
Federico III, il Saggio, ne diventò principe dal 1486, succedendo al padre, e restando in carica fino alla sua morte nel 1525. Anche se situata nel centro nevralgico delle comunicazioni fluviali della Germania del tempo (è situata sulle rive dell’Elba), Wittemberg era una città molto povera e abitata da non più di 2500 persone. Anche l’Università, fondata da Federico il Saggio nel 1502, non era frequentata da più di 10 studenti. Eppure, proprio il principe volle ostinatamente quell’Università, in primis per non perdere anche quei soli 10 studenti, ma soprattutto per dare lustro alla sua capitale perché potesse diventare un centro culturale degno della presenza di un Principe Elettore. A seguito dell’inaugurazione, officiata dal professore italiano Pietro Ravennate, l’Università di Wittemberg ricevette il privilegio e riconoscimento Imperiale e, come se non bastasse, Federico chiese anche il privilegio Papale, che ottenne nel 1508. Sotto la protezione dei Santi Paolo ed Agostino, l’Università divenne il centro culturale di riferimento del Ducato e il vanto del Principe che ne seguì lo sviluppo fino alla sua morte. Con l’arrivo di Lutero come insegnante, nel 1508, gli studenti crebbero in brevissimo tempo fino a 600 unità che, su una popolazione di 2500 abitanti, era cosa davvero sorprendente. Proprio nell’autunno del 1508, a Lutero venne qui conferito il lettorato in filosofia, mentre continuava i suoi studi in teologia. Al suo arrivo a Wittemberg, il giovane sacerdote agostiniano, abituato alla bella città di Erfurt, circondata dalle foreste della Turingia, trovò una piccola città di pianura i cui “abitanti vivevano ai confini della civiltà”, come scrisse Lutero qualche anno più tardi: ma proprio qui, in questo luogo “ai limiti della barbarie”, vivrà buona parte della sua vita.
 
 
03. Kerstin Vogt: Donne e chiesa

 
Donne e chiesa. Esperienze di donne nelle chiese protestanti.

Cari fratelli e sorelle,
le donne hanno sempre avuto un ruolo importante nella vita religiosa in famiglia, nella comunità e nella chiesa, tuttavia la percezione del loro ruolo nel corso della storia è sempre dipesa dalle immagini fortemente predominanti del ruolo sociale.
Poiché questa serata si inserisce nell’ambito di una serie di conferenze sul ruolo delle donne nella chiesa, vorrei mettere l’accento sul periodo della riforma e sul tempo moderno.
Eppure già nel Nuovo Testamento le donne giocano un ruolo importante intorno a Gesù.
Nelle lettere di Paolo tra le parole di saluto dell’apostolo si trova una διακονος („diákonos“) chiamata Febe (Romani 16,1). Si discute tuttavia, se questa definizione di una persona come diákonos (“servitore” o “serva”) significhi già che questa detenga l’ufficio ecclesiastico di diacono o rispettivamente “diacona”.
Nella lettera ai Romani viene menzionata Junia che “sarebbe stata conosciuta fra gli apostoli”, e questa oggi viene considerata da molti esegeti una donna. Gesù stesso aveva delle donne nell’ambiente vicino a lui, per esempio Maria di Magdala. Le donne sono anche fra le prime testimoni della resurrezione. E Paolo poteva dire nella lettera ai Galati: Galati 3,28
Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna; poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù.
Tuttavia il cristianesimo come entità sociale, nella sua visione del ruolo della donna non era affatto indipendente dall’immagine del suo ruolo nell’antichità o nel medioevo.
Per le donne non sposate c’erano sempre possibilità di partecipazione nell’ambito sociale e caritativo, ma l’ambito liturgico e ufficiale rimaneva riservato agli uomini.
Questo non cambiò molto nemmeno nel periodo della riforma. E’ vero che nella prima fase della riforma parteciparono molte donne alla riformazione della vita e della dottrina della chiesa, come ad esempio Argula von Grumbach. Lei si sentiva rafforzata dalla dottrina di Lutero “dal sacerdozio universale di tutti i credenti” e prese posizione pubblicamente a favore della dottrina luterana con volantini pubblicati in 30.000 (trentamila) copie. La sua proposta di discutere pubblicamente con i professori dell’università di Ingolstadt la nuova dottrina, non venne accolta. Così scrisse 8 lettere e motivò la sua posizione con citazioni dalla Bibbia. Come madre di quattro figli, nel 1530 ciò era piuttosto particolare, tuttavia suo marito perse la sua posizione di governatore.
Attraverso la chiusura dei conventi, la funzione del matrimonio venne rivalutata. Donne di cultura come Katharina von Bora collaboravano a fianco dei loro mariti nelle comunità e hanno caratterizzato nei secoli l’immagine delle case parrocchiali evangeliche. Le donne della parrocchia erano responsabili dell’educazione cristiana e musicale dei bambini, guidavano l’attività “casa parrocchiale aperta” con numerosi ospiti e attività, conducevano una vita familiare quasi pubblica e avevano molti impegni di rappresentanza, ma sempre legati all’ufficio parrocchiale del marito.
Di queste faceva parte anche Elisabeth Cruciger, nata nel 1505, un tempo una nobile suora che sposò il predicatore e professore di teologia di Magdeburgo Caspar Cruciger e che divenne la prima compositrice di canti evangelici. I suoi canti si trovano ancora oggi nell’innario protestante.
Oppure Katharina von Zell, moglie del parroco di Strasburgo che, nel 1523 fece della casa parrocchiale il centro di un’attività comunitaria diaconale e di cura delle anime e si inserì pubblicamente come “madre della chiesa” nel dibattito teologico del suo tempo.

La casa parrocchiale era il luogo in cui donne intellettualmente e spiritualmente dotate potevano contribuire al lavoro parrocchiale, spesso anche dopo la morte del marito. Le mogli dei pastori erano forse uno dei motivi principali per cui la casa parrocchiale si trasformò spesso nel centro culturale del luogo. Le donne guidarono per secoli la comunità a fianco dei loro mariti e si occuparono gratuitamente di molti compiti caritativi, culturali e formativi.
Nel 19. (diciannovesimo) secolo in Germania a causa dell’industrializzazione si arrivò ad un inasprimento della situazione sociale. Proprio nelle grandi città c’erano molti operai “senza legami sociali” che vivevano in condizioni sociali inimmaginabili. Bambini senza genitori, senza assistenza sanitaria o scolastica. Alcolizzati e poveri si riunivano in bassifondi. Per questi uomini la chiesa come istituzione del 19. (diciannovesimo) secolo non aveva risposte e così nacque all’infuori della chiesa istituzionale un grande impegno socio-diaconale e missionario in associazioni e gruppi liberi. In questo le donne aristocratiche e borghesi ebbero un ruolo molto importante. Come in Inghilterra per esempio Elisabeth Fry, queste donne crearono enti diaconali e istituti per carcerati, orfani e giovani abbandonati. Seguirono scuole e centri di formazione per ragazze. Amalie Sieveking, figlia del senatore di Amburgo, nel 1832 costituì ad Amburgo un’associazione per la cura di poveri e malati su base consortile. La gestione era a carico delle donne che si facevano consigliare dagli uomini. Aveva accumulato esperienze nell’educazione dei bambini poveri e nella cura dei malati durante l’epidemia di colera. Nelle lettere e nei corsi sulla Bibbia criticava le “amiche” che aspettavano solo di sposarsi e erano cieche di fronte a chi soffriva intorno a loro. Dalla sua opera nacque una grande istituzione di carità che esiste ancora oggi.
Le donne motivate cristianamente chiesero già al primo convegno della chiesa protestante a Wittemberg nel 1848, che le ragazze e le donne di diversa provenienza sociale ricevessero una formazione scolastica e professionale per poter contribuire a compiti sociali e statali.
Da questo impegno nacque anche la scienza che insegna come gestire questo tipo di istituzioni caritatevoli. Friederike Fliedner al fianco di suo marito Theodor Fliedner, nel 1828 istituì il grande ente per le “diaconesse” Kaiserwerth, nel quale giovani donne non sposate ricevevano una formazione professionale, facevano il voto di castità, lavoravano e vivevano insieme. Questo genere di vita era un grande aiuto per le donne a rischio di povertà. Nonostante i suoi 10 figli Friederike Fliedner lavorava come moglie del pastore e direttrice dell’ente per le diaconesse e sostituiva suo marito che spesso era assente per motivi di lavoro. Molte donne ricevettero una formazione nel campo dell’educazione e dell’assistenza a malati ed anziani.
In modo simile si sviluppò anche la collaborazione delle donne nella missione. Dalla missione Herrnhuter nata dal pietismo (oggi chiesa Moravia in Sud Africa) le donne, come mogli dei loro uomini prestarono servizio nella missione. Questa, come la diakonia, fu organizzata per lo più da associazioni e sostenitori liberi che solo più tardi furono integrati nelle chiese ufficiali. Le donne di missione gestivano scuole, lavoravano come infermiere e contribuirono anche alla traduzione della Bibbia in altre lingue. Vivevano un modello familiare di missione nel quale la donna, come direttrice della casa cristiana, giocava un grande ruolo. Molti di questi matrimoni erano combinati. Le donne evangeliche, nel 18. (diciottesimo) e 19. (diciannovesimo) secolo acconsentirono a questi matrimoni per poter lavorare nella missione.
Gli stravolgimenti politici e sociali dell’età moderna hanno lentamente cambiato anche la funzione della donna nella chiesa evangelica. Così dal 1908 si aprirono le facoltà evangelico-teologiche anche per le studentesse di teologia, che però portò solo lentamente ad un incremento delle donne negli uffici ecclesiastici.
Le prime teologhe potevano essere nominate solo vicarie pastorali e invece dell’”ordinazione” ricevevano una “speciale benedizione”. Assumevano compiti di cura delle anime per le donne e i bambini e insegnavano nelle scuole. In caso di matrimonio dovevano lasciare il loro incarico.
Durante il periodo del nazionalsocialismo il ruolo delle donne fu di nuovo ridimensionato, poiché il loro compito veniva per lo più visto in funzione della maternità.
Tuttavia in seguito alla guerra molte parrocchie rimasero senza pastore, poiché gli uomini erano chiamati alla guerra. In questo modo le donne assunsero molti compiti vicari all’interno della chiesa.
Dopo la 2. (seconda) guerra mondiale, il 31 agosto 1945 l’EKD (Chiesa evangelica in Germania), sotto il cui tetto sono organizzate le diverse chiese regionali evangeliche indipendenti, venne rifondata. Mano a mano le chiese regionali hanno introdotto l’ordinazione delle donne.
In Germania a Lubecca nel 1958, Elisabeth Haseloff fu nominata la prima pastora della chiesa evangelico-luterana “ai fini della legge”. L’ultima chiesa membro della EKD che ha introdotto l’ordinazione delle donne è stata la chiesa evangelico-luterana della regione di Schaumburg-Lippe nel 1991. Alla facoltà dell’università di Vienna, le donne potevano studiare dal 1928. Nel 1937 Dora Winkler-Hermann fu la prima donna ad acquisire il grado teologico di dottore. Nel 1945, con una deroga fu la prima donna ad essere ordinata all’ufficio ecclesiastico della diocesi del Tirolo.
La chiesa evangelico-luterana di Kurhessen-Waldeck, da cui io provengo, ha organizzato una grande mostra sul tema 50 anni di donne pastore a Kurhessen-Waldeck. Vedremo fra poco insieme alcune immagini di questa esposizione che mostrano particolari ritratti di donne.
All’inizio erano singole donne che a fatica cercavano di inserirsi in un ambiente dominato da uomini. Effettivamente venivano trasmessi loro tutti i diritti dello status spirituale nell’ordinazione, ma colleghi e responsabili del servizio avevano delle riserve su di loro. Venivano chiamate “fratello”, pagate male e non potevano sposarsi. Nei primi anni, invece del collo bianco sull’abito talare potevano indossare solo una camicia bianca. La completa equiparazione è avvenuta solo al sinodo del 1979. Oggi le donne pastore in servizio sono circa il 40% e il 60% degli studenti di teologia sono donne.
„Il futuro della chiesa evangelica è femminile“, ha detto il Vescovo rettore del VELKD (Unione delle chiese evangelico-luterane in Germania)
La chiesa ha fatto ora le prime positive esperienze con le donne a tutti i livelli della gerarchia. La più nota è forse l’ex Vescovo donna e presidente del consiglio della EKD Dottoressa Margot Käsmann, che in Germania gode ancora oggi di grande popolarità
 
La chiesa, attraverso la presenza delle donne nell’ufficio parrocchiale è cambiata?
Io penso di sì, così come la società è cambiata.
Un pastore vecchio stile, che poteva guidare la comunità in modo autoritario, non esiste più. Si è formato uno stile di guida più aperto al confronto in cui non solo, ma anche le donne danno il loro contributo. Per il 50. (cinquantesimo) anniversario delle prime donne pastore, il vescovo Dr. Martin Hein ha fatto una processione con 150 pastore per la città di Kassel e ha festeggiato questo avvenimento con delle conferenze. Adesso vedremo queste immagini e i ritratti delle prime donne pastore.
 
Pastora Kerstin Vogt

04. Sottoscrizione terremoto
 
Terremoto Emilia/1. La Federazione delle chiese evangeliche lancia una sottoscrizione

Roma (NEV), 30 maggio 2012 - La Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) ha espresso la propria solidarietà e vicinanza alle popolazioni dell'Emilia così duramente colpite, e in particolar modo alle famiglie che nel terremoto hanno perso i loro cari. Il pastore Massimo Aquilante, presidente della FCEI, ha dichiarato: "La FCEI ha aperto una sottoscrizione a sostegno di progetti specifici, prevalentemente tesi all'accompagnamento delle persone più bisognose, che saranno messi in campo in collaborazione con le chiese, le associazioni ed organizzazioni sul territorio e le amministrazioni pubbliche". E ha così concluso: "La nostra fiducia è nel Dio di Gesù Cristo, salda rocca e rifugio nelle avversità, fonte di ogni speranza e di ogni consolazione".
E' salito a 17 il bilancio dei morti per il terremoto di magnitudo 5,8 della scala Richter che ha colpito ieri l’Emilia con epicentro nel modenese, a pochi giorni da quello occorso il 20 maggio (vedi NEV 21/12). Il numero degli sfollati è ora stimato in 14mila mettendo insieme le 8mila persone colpite dal sisma di ieri e da quello di dieci giorni fa, mentre i feriti sono 200. E la terra non smette di tremare: è stata una notte di paura per gli abitanti con più di 60 scosse di assestamento. Continuano a crollare palazzi, chiese, capannoni.
Chi volesse inviare delle donazioni può farlo utilizzando il seguente conto corrente postale specificando la causale "Terremoto Emilia Romagna 2012": ccp n. 38016002 - IBAN: IT 54 S 07601 03200 0000 38016002, intestato a: Federazione delle chiese evangeliche in Italia, via Firenze 38, 00184 Roma (www.fcei.it).

Fonte: NEV 22/2012, 30 maggio 2012
 
 
05. Intervista Decano


Visto che il termine per la consegna della dichiarazione dei redditi e quindi per l'assegnazione dell'OPM è stato prorogato, ecco il link di una intervista televisiva di Corrado Augias al nostro Decano Holger Milkau:

 
 
06. ASLI: Seminario teologico e convegno teologico

 
 
Attenzione: dopo l'esaurimento delle camere prenotate abbiamo potuto riservare altre due stanze per il pernottamento. Quindi c'è ancora la possibilità di iscriversi!

 

CELI - ASLI - Seminario teologico 2012


Data: 22-24 giugno 2012

Luogo: Roma, Decanato CELI, Via Aurelia Antica 391

La struttura prevede come al solito quattro unità di lavoro: Venerdì pomeriggio (16-20), sabato mattina (9.30-13), sabato pomeriggio (15.30-19.30) e domenica mattina (9.30- 11.30 + breve culto di chiusura). Il seminario chiude con il pranzo di domenica.

Relatori e Temi:
Prof. Franco Buzzi: Il nome di Dio
Past. Dieter Kampen: Spiritualità luterana
Prof. Paolo Ricca: Lutero spiega se stesso: le Resolutiones del 1518
Past. Alberto Saggese: Il giusto vivrà per fede! Da Abacuc a Lutero



Pernottamento: 8 stanze riservate presso le Suore Battistine, Via del Casale di San Pio V,1

Pasti: collazione presso le Suore Battistine, pranzi e cene presso il Ristorante Arturo, Caffè e biscotti in sala.

Costi: La quota di partecipazione è di 90 Euro a partecipante (senza pernottamento 40 Euro).
La differenza rispetto al costo reale viene sostenuta dalla CELI con l'aiuto dell'OPM.



Vedi anche le informazioni sulla pagina della CELI:







ASLI - Convegno teologico 2012

Tema: Lutero e la mistica

Data: 28-29 settembre 2012

Luogo: Milano, Veneranda Biblioteca Ambrosiana, Sala delle Accademie

Relatori: Prof. Franco Buzzi, Prof. Michele Cassese, Prof. Sven Grosse, Past. Dieter Kampen, Prof. Paolo Ricca,

Struttura: Sono previste tre sezioni -venerdì pomeriggio, sabato mattina e sabato pomeriggio- con due relazioni per sezione, con discussione e una pausa tra le due.

Temi:
Prof. Franco Buzzi: "La fede di Abramo" con riferimento soprattutto alle lezioni di Lutero sulla Genesi e ai commentari a Rom. e Gal., con particolare attenzione alla mistica dell fede

Prof. Michele Cassese: Il cuore “centro e fondamento della fede” in Lutero. Influssi e caratteristiche di theologia cordis in Lutero.

Prof. Sven Grosse: Lutero come mistico e Bonaventura.

Past. Dieter Kampen: Il carattere mistico della fede pura. Vorrei esaminare come Lutero isola la fede dai propri sentimenti e dalla ragione e la lega unicamente alla Parola (che sarà anche da esaminare), creando così un svuotamento di se stesso e un extra nos, cioè uno stato di carattere
mistico.

Prof. Paolo Ricca: da definire

Se qualcuno ha suggerimenti o vuole contribuire attivamente, è pregato di contattarmi al più presto.


Pernottamento: A proprio carico e organizzazione.

Costi: La partecipazione è gratuita.
Chi vuole partecipare ai pasti deve iscriversi in anticipo e pagare il prezzo del pasto.
 
 
07. Viaggio CELI in Slovenia e Ungheria



Viaggio di studio e di incontro della CELI nelle chiese gemellate in Slovenia e in Ungheria

Mercoledì, 29 agosto
Arrivi individuali a Trieste, entro le ore 14.30
Partenza con autobus verso la Slovenia occidentale
In serata incontro con la comunità luterana nella capitale slovena Lubiana
Pernottamento in albergo a Lubiana

Giovedì, 30 agosto
Visita di Lubiana
Prosecuzione per Maribor e incontro con la comunità luterana
Pernottamento in albergo a Moravske Toplice (nella provincia Oltremura nel nordest della Slovenia)

Venerdì, 31 agosto
Visita di Moravske Toplice ed eventualmente di una delle terme
Incontro con il vescovo Geza Erniša
Incontro con alcune comunità luterane ed opere diaconali luterane dell’Oltremura
Serata in una taverna

Sabato, 1° settembre
Prosecuzione nell’Ungheria sud-occidentale
Incontro nell’istituzione diaconale a Dombovár
Prosecuzione verso il Lago Balaton
Pernottamento nella foresteria della chiesa luterana ungherese a Balatoszárszó sul Balaton

Domenica, 2 settembre
Partecipazione al culto nella città storica di Siófok
Visita guidata di Siófok
Incontro con la comunità luterana di Balatonboglár
Serata in una taverna

Lunedì, 3 settembre
Partenza per la capitale ungherese Budapest
Visita guidata della città
Incontro con il vescovo Tamás Fabiny
Incontro con la comunità luterana tedesca
Pernottamento in albergo a Budapest

Martedì, 4 settembre
Passeggiata per Budapest
Partenze individuali da Budapest in aereo


Per maggiori informazioni e per iscriverti, vai sul sito della CELI:







 
 
     
     
 
Consulenza Internet, Preventivo Sito