Menu

  ARCHIVIO BOLLUT
  BOLLUT 001
  BOLLUT 002
  BOLLUT 003
  BOLLUT 004
  BOLLUT 005
  BOLLUT 006
  BOLLUT 007
  BOLLUT 008
  BOLLUT 009
  BOLLUT 010
  BOLLUT 011
  BOLLUT 012
  BOLLUT 013
  BOLLUT 014
  BOLLUT 015
  BOLLUT 016
  BOLLUT 017
  BOLLUT 018
  BOLLUT 019
  BOLLUT 020
  BOLLUT 021
  BOLLUT 022
  BOLLUT 023
  BOLLUT 024
  BOLLUT 025
  BOLLUT 026
  BOLLUT 027
  BOLLUT 028
  BOLLUT 029
  BOLLUT 030
  BOLLUT 031
  BOLLUT 032
  BOLLUT 033
  BOLLUT 034
  BOLLUT 035
  BOLLUT 036
  BOLLUT 037
  BOLLUT 038
  BOLLUT 039
  BOLLUT 040
  BOLLUT 041
  BOLLUT 042
  BOLLUT 043
  BOLLUT 044
  BOLLUT 045
  BOLLUT 046
  BOLLUT 047
  BOLLUT 049
  BOLLUT 050
  BOLLUT 052
  BOLLUT 053
  BOLLUT 054
  BOLLUT 055
  BOLLUT 056
  BOLLUT 057
  BOLLUT 058
  BOLLUT 059
  BOLLUT 060
  BOLLUT 061
  BOLLUT 062
  BOLLUT 063
  BOLLUT 064
  BOLLUT 065
  BOLLUT 066
  BOLLUT 067
  BOLLUT 068
  BOLLUT 069
  BOLLUT 070
  BOLLUT 071
  BOLLUT 072
  BOLLUT 073
  BOLLUT 074
  BOLLUT 075
  BOLLUT 076
  BOLLUT 077
  BOLLUT 078
  BOLLUT 079
  BOLLUT 080
  BOLLUT 081
  BOLLUT 082
  BOLLUT 083
  BOLLUT 084
  BOLLUT 085
  BOLLUT 086
  BOLLUT 087
  BOLLUT 088
  BOLLUT 089
  BOLLUT 090
  BOLLUT 091
  BOLLUT 092
  BOLLUT 093
  BOLLUT 094
  BOLLUT 095
  BOLLUT 096
  BOLLUT 097
  BOLLUT 098
  BOLLUT 099
  BOLLUT 100
  BOLLUT SOST 003
  BOLLUT SOST 004
 
 
 

Bollut 080

www.bollutnet.org 
Ottobre 2013


Indice:

01. Editoriale

02. Luterani-cattolici: Dal conflitto alla comunione

03. Claudiana: Settimana del libro protestante

04. ASLI: Giornata teologica 2013

05. Claudiana: Libri a metà della metà

06. La Chiesa avventista italiana favorevole all’ordinazione delle donne pastore

 
01. Editoriale

Cari Bollutori,
Il 31 ottobre festeggeremo il 496. anniversario della Riforma. Finora i cattolici non festeggiano il giorno della Riforma, anche se non pochi stimano Lutero per il suo messaggio spirituale e perché ha dato anche alla Chiesa cattolica una spinta di rinnovamento. Altri invece vedono nella Riforma soprattutto lo scisma e l'inizio di tutti i mali. Come sia, viviamo in un secolo ecumenico in cui le differenze confessionali sono passate in secondo piano. Perciò sarebbe auspicabile che evangelici e cattolici festeggiassero insieme il 500. anniversario della Riforma. Il documento presentato in questo Bollut è un passo in questa direzione.
Buona lettura e buona festa della Riforma!
Vostro
Dieter Kampen (DK)


02. Luterani-cattolici: Dal conflitto alla comunione


Ecumenismo. Una delegazione della Federazione luterana mondiale in Vaticano
Lunedì scorso l'incontro con papa Francesco in vista del Giubileo della Riforma

Roma (NEV), 23 ottobre 2013 - "Come persone che hanno incontrato Cristo siamo chiamati ad accompagnare i poveri e i vulnerabili. Il messaggio della riconciliazione a noi affidato si esprime nella speranza per il nostro mondo frammentato di trovare la pace nella giustizia": lo ha detto a papa Francesco il presidente della Federazione luterana mondiale (FLM), il vescovo Munib Younan, in occasione di un'udienza svoltasi lunedì 21 ottobre in Vaticano. Nel corso della visita, cui ha partecipato non solo la delegazione della FLM, ma anche la Commissione per l’unità luterano-cattolica, sia Younan che papa Francesco hanno espresso apprezzamento per il recente documento “Dal conflitto alla comunione. L’interpretazione luterano-cattolica della Riforma nel 2017”. Quest'ultimo, pubblicato a giungo (vedi NEV 26/13), rappresenta una pietra miliare del dialogo luterano-cattolico: è la prima volta che a livello mondiale esponenti delle due confessioni hanno lavorato insieme giungendo alla conclusione che la Riforma, in quanto evento storico, possa essere intesa come elemento dello stesso impegno a favore dell'unità dei cristiani. Di qui la volontà dei luterani di “festeggiare l’anniversario della Riforma del 2017 in modo ecumenico, anche con la chiesa cattolica”.
"Mi sembra davvero importante per tutti lo sforzo di confrontarsi in dialogo sulla realtà storica della Riforma, sulle sue conseguenze e sulle risposte che ad essa vennero date - ha detto papa Francesco, come riferisce AsiaNews -. Cattolici e luterani possono chiedere perdono per il male arrecato gli uni agli altri e per le colpe commesse davanti a Dio, e insieme gioire per la nostalgia di unità che il Signore ha risvegliato nei nostri cuori, e che ci fa guardare avanti con uno sguardo di speranza". Per il papa è necessario progredire nel cammino dell'"ecumenismo spirituale", che "costituisce l'anima del nostro cammino verso la piena comunione. Certo, le difficoltà non mancano e non mancheranno, richiederanno ancora pazienza, dialogo, comprensione reciproca, ma non ci spaventiamo! Sappiamo bene che l'unità non è primariamente frutto del nostro sforzo, ma dell'azione dello Spirito Santo".
A sottolineare la necessità di lavorare ancora più assiduamente insieme anche sul fronte dell'aiuto ai più vulnerabili, è stato il dono che la delegazione della FLM ha portato al papa: una teiera appartenuta ad una donna somala del campo rifugiati Dadaab in Kenia, il più grande del mondo gestito dalla FLM. Una teiera, come “simbolo per l’apprezzamento dell’attenzione che Francesco ha per i rifugiati, i poveri, e coloro che vivono in stato di guerra”, ha detto il segretario generale della FLM, il pastore Martin Junge. Il papa ha ricordato come le persecuzioni non conoscono barriere denominazionali e che le persone in fuga dai conflitti, a prescindere dalle divisioni religiose, sono tutte figli di Dio.
Fonte: NEV 23 ottobre 2013 - anno XXXIV - numero 44


Questo importante documento, che riassume l'attuale stato del dialogo tra cattolici e luterani, ci accompagnerà per i prossimi anni. Invito tutte le comunità, associazioni e istituzioni a programmare degli incontri di studio per dare la massima diffusione al documento. Potete leggerlo qui:


Ringrazio di cuore la rivista Il Regno (www.ilregno.it) per la gentile concessione del testo, pubblicato con il titolo «2017: la Riforma. Dal conflitto alla comunione» come supplemento a Il Regno - documenti n. 11 del 2013.

 
03. Claudiana: Settimana del libro protestante

(NEV) - A cavallo del 31 ottobre, Festa della Riforma, per la prima volta si terrà la "Settimana del libro protestante". Si tratta di un'iniziativa dell'editrice Claudiana, tesa ad avvicinare le chiese evangeliche ai libri pubblicati dalla stessa casa editrice protestante. Una ventina le comunità battiste, metodiste, valdesi e luterane che hanno aderito all'iniziativa e che in varie località della penisola proporranno momenti di incontro e dibattito intorno a libri protestanti. Spiega il presidente dell'editrice Claudiana Andrea Ribet: "La Claudiana ha un ventaglio di pubblicazioni abbastanza ampio; noi riteniamo che per parlare di libro protestante non si debba pensare esclusivamente a pubblicazioni su temi della Riforma o della teologia. Libro protestante è anche quello che tratta temi etici, sociali e politici del nostro tempo, argomenti che aiutino in qualche modo a riflettere sulle questioni di fondo che ci interpellano come persone, come credenti nel nostro rapporto con Dio e con il prossimo, ovviamente nella consapevolezza del principio della sola grazia".
Fonte: NEV 23 ottobre 2013 - anno XXXIV - numero 44


Andrea Ribet: Settimana del libro protestante

Iniziano gli eventi collegati al progetto Settimana del Libro Protestante che si articolerà in modo vario per tener conto della programmazione delle chiese locali che vi hanno aderito. Ecco gli incontri programmati per la settimana entrante.

Torino
Libreria Claudiana di Torino, via Principe Tommaso 1, giovedì 24 ore 18,00
Con la partecipazione della Chiesa Luterana di Torino
Conferenza di Dieter Kampen sul tema Introduzione a Lutero

Venezia
Palazzo Cavagnis, Castello 5170, giovedì 24 ore 18,00
A cura della Chiesa Valdese e del Centro Culturale
Conferenza di Ermanno Genre sul tema Dialogo tra teologia pastorale e bioetica

Genova
Tempio Valdese, via Assarotti 21, alle ore 17
Nell’ambito del ciclo di incontri organizzato dalla Chiesa Valdese sul tema Appuntamenti di preghiera, meditazione, silenzio e incontro

Roma
Piazza Cavour, sabato 26 dalle 16
A cura Chiesa Valdese e Libreria Claudiana di Roma
Libri in piazza con la partecipazione di alcuni professori della Facoltà Valdese di Teologia



Seconda settimana
Gli incontri organizzati dalle chiese collegati al progetto Settimana del Libro Protestante continuano anche nelle prossime settimane, in modo articolato e vario, tenendo conto della programmazione delle chiese locali che vi hanno aderito. Ecco gli eventi della settimana entrante.


Luserna San Giovanni
A cura della chiesa valdese, banco libri con particolare assortimento, organizzato presso la Casa Pavarin nel giorni dal 28 ottobre al 3 novembre, dalle ore 14 alle ore 18; nei giorni 1, 2, 3 novembre tutto il giorno.

Pinerolo
A cura della chiesa valdese e del Centro Culturale Valdese di Torre Pellice, presentazione del libro di Giorgio Tourn “Protestanti, una cultura – da Locke a Mandela”, con la partecipazione dell’Autore, di Claudio Pasquet e Davide Dalmas, il giorno 31 ottobre ore 21, presso la Biblioteca civica Alliaudi, via C. Battisti 11. L’evento si inserisce nel ciclo di incontri “Guardare, Ascoltare, Conoscere” organizzato dal Comune di Pinerolo.

Como
A cura della chiesa valdese, conferenza di Giuseppe Platone su l’editto di Milano del 313

Udine
A cura della comunità metodista di Udine 3 appuntamenti:
il giorno 28 ottobre presso la chiesa evangelica di piazzale D’Annunzio 9 alle ore 18 Aluisi Tosolini presenta il libro Bibbia, Cultura, Scuola;
il giorno 29 ottobre, stesso luogo stessa ora, Alessandro Zannier presenta il libro Il sogno e la storia: il pensiero e l’attività di Martin Luther King;
il giorno 30 ottobre, stesso luogo stessa ora, Dieter Kampen presenta i suoi libri su teologia, etica e spiritualità luterana

Trieste
A cura delle chiese luterana e valdese di Trieste, il giorno 1 novembre alle ore 18, presso la Basilica di S. Silvestro Dieter Kampen presenta i suoi libri su teologia, etica e spiritualità luterana

Bologna
A cura della chiesa metodista, il giorno 2 novembre alle ore 21 in via G. Venezian presentazione dei Quaderni laici con la partecipazione di Giudo Armellini

Grosseto
A cura della chiesa battista e dell’associazione Rosa Parks, il giorno 31 ottobre alle ore 18, presso la Libreria delle ragazze, conferenza di Letizia Tomassone con una rassegna dei libri pubblicati dalla Claudiana sul tema donne, chiesa, teologia


Bari
A cura della chiesa valdese il giorno 29 ottobre ore 18 presso la Libreria Laterza in via Dante 49/53 Lorenzo Tibaldo presenta il suo libro Scritti dal carcere, lettere di Sacco e Vanzetti



Novembre
Nuovi incontri organizzati dalle chiese collegati al progetto Settimana del Libro Protestante continuano ancora nel mese di novembre, nel modo articolato e vario, caratteristica del progetto fin dall’inizio, per tener conto della programmazione delle chiese locali che vi hanno aderito.


Torino
A cura della libreria Claudiana di Torino, il giorno 5 novembre alle ore 18 presso la libreria Corrado Isreal De Benedetti presenta il suo libro Un amore impossibile

Milano
A cura della libreria Claudiana di Milano e del Centro culturale Protestante, nell’ambito della manifestazione Milano Bookcity, il giorno 23 novembre alle ore 16 presso la libreria conferenza di Paolo Ricca, Susanna Peyronel, Dieter Kampen e Franco Buzzi su Lutero in italiano: la collana Opere scelte dell’editrice Claudiana

Genova
A cura della chiesa metodista di Sampierdarena il giorno 6 novembre alle ore 16 Peter Ciaccio presenta il suo libro L’evangelo secondo Harry Potter

La Spezia
A cura della chiesa metodista il giorno 5 novembre alle ore conferenza di Peter Ciaccio sul tema: Let it be. Cultura Pop e Vangelo: scontri e incontri post moderni

Gorizia
A cura della chiesa metodista il giorno 7 novembre Peter Ciaccio presenta il suo libro L’evangelo secondo i Beatles

Firenze
A cura delle chiese battista, valdese metodista e luterana, con la partecipazione del Centro culturale il giorno 9 novembre alle ore 16,30 presso la Libreria Claudiana presentazione del libro La fede cristiana evangelica; un commento al catechismo di Heidelberg con la partecipazione di Paolo Ricca, Anna Maffei, Pawel Gajewski, Marco Ricca

Massa
A cura della chiesa metodista il giorno 7 novembre presso la Libreria Mondoperaio conferenza di Paolo Naso sul tema Fondamentalismi, potere religioso e società multiculturale: c’è ancora spazio per la laicità?

Rimini
A cura della chiesa valdese il giorno 8 novembre Peter Ciaccio presenta il suo libro L’evangelo secondo i Beatles


04. ASLI: Giornata teologica 2013

 

L'ASLI – Accademia di Studi Luterani in Italia
Campo SS. Apostoli, Cannaregio 4448, 30124 Venezia

e l'ISE – Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino
C/o Convento S. Francesco della Vigna - Castello 2786 - 30122 VENEZIA

ospitati dalla Comunità Evangelica Luterana di Venezia
invitano alla


I° Giornata teologica - Giornata di studio

21. Novembre 2013, 14.30 – 18.30
Chiesa luterana, Campo Ss. Apostoli, Cannareggio 4448, 30121 Venezia
a piedi (consigliato) 20-25 min. dalla ferrovia, seguendo la strada principale
Vaporetto linea 1, fermata Ca' d'oro

Thema:
La libertà al tempo della Riforma e oggi

Con la nascita del mondo moderno si sviluppa anche una nuova concezione della persona e cresce l'importanza dell'individuo. Diventa così virulenta la questione della libertà che irrompe pienamente con la Riforma. La giornata teologica vuole – a livello accademico, ma con un linguaggio diretto e di facile comprensione – illustrare le risposte date da Lutero, sostenitori e oppositori, per poi esaminare la loro attualità per il dibattito sulla libertà oggi.


Programma

Ore 14.30: Appertura
Saluto della Comunità ospitante: Past. Bernd Prigge
Saluto del Preside dell'ISE: Prof. P. Giraldo
Saluto Presidente dell'ASLI: dott. Giorgio Ruffa

Ore: 14.45: Relazioni

Prof. Paolo Ricca: Portata e limiti della nozione di libertà in Lutero

Prof. Michele Cassese: La libertà cristiana secondo l’agostiniano Girolamo Seripando: una risposta al “De libertate christiana” di M. Lutero.

Ore 16-16.30 circa: pausa lavori

Prof. Franco Buzzi: "Metamorfosi di un'ermeneutica: Lutero in Heidegger"

Prof. Lorenzo Raniero: La libertà di coscienza nel Concilio Ecumenico Vaticano II

Past. Dieter Kampen: Libertà come dono

Ore 18.30: conclusione lavori

Tutti sono benvenuti – ingresso libero



L'ASLI, fondata nel 2011 con sede presso la Comunità evangelica luterana di Venezia, è un associazione laica e indipendente che, in una prospettiva ecumenica, promuove lo studio e la conoscenza di Lutero in Italia.

 
05. Claudiana: Libri a metà della metà
 
La Claudiana ha prodotto un catalogo di libri della sezione «Remainder». Sono libri prodotti alcuni anni fa, ma come sappiamo i libri di teologia invecchiano molto più lentamente di quanto il mercato permette. Quindi si tratta di un'ottima occasione di comprare ottimi libri a metà della metà, ovvero con il 75% di sconto. Trovate il catalogo al link seguente:

06. La Chiesa avventista italiana favorevole all’ordinazione delle donne pastore
 

Notizie Avventiste – La scorsa settimana il Comitato esecutivo dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° Giorno ha votato di accogliere e sostenere la delibera, approvata dai pastori il 3 settembre, relativa all’ordinazione delle donne al ministero pastorale. “I pastori, dopo aver esaminato l’insegnamento biblico, la testimonianza di E. G. White e la storia della Chiesa avventista, hanno ritenuto saggio e non più rinviabile procedere alla consacrazione delle donne al ministero pastorale, deliberando, con voto unanime in tal senso”, si afferma nell’atto dell&rsqu o;esecutivo che proporrà alla prossima Assemblea amministrativa, in febbraio 2014, di esprimersi con un voto in merito.
Sulla delibera e l’ordinazione femminile, Notizie Avventiste ha intervistato Dora Bognandi, responsabile del dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa.

Notizie Avventiste: Qual è la portata della delibera approvata dai pastori?
Dora Bognandi: Innanzitutto, è stata presa all’unanimità e questo fatto ha una sua rilevanza, in quanto il collegio pastorale è composto da persone di varia estrazione geografica e anche di nazionalità diverse. La delibera consiste nella richiesta di invitare l’Unione a inoltrare alla Conferenza Generale, massimo organo mondiale della Chiesa, di procedere all’ordinazione delle donne al ministero pastorale.
Nella Chiesa avventista le donne hanno sempre operato liberamente, ma finora non si è proceduto all’ordinazione perché, trattandosi di una confessione diffusa in tutto il pianeta ed essendo l’ordinazione al ministero pastorale valida ovunque, è necessaria una delibera presa durante un’assise mondiale. Ma, a quel livello, buona parte dei delegati proviene da aree geografiche e da culture che non ritengono questa tematica una priorità; alcuni sono perfino contrari a procedere in tale direzione. La prossima sessione mondiale avrà luogo nel 2015 e all’ordine del giorno vi sarà tale argomento. Il Comitato ha quindi accolto l’istanza dei pastori, la trasmetterà alla prossima Assemblea amministrativa nazionale del febbraio 2014 e, se approvata, la inoltrerà alla Conferenza Generale.

 N. A.: Come è stato affrontato il tema finora? Le donne pastore in Italia sono state penalizzate a causa di questa difficoltà?
D. B.: Per l’Italia, come per l’Occidente, non avere le nostre pastore ordinate è un problema serio. Abbiamo cercato di ovviare alla cosa procedendo con una ordinazione valida a livello locale, ma non è l’ideale. Per questo i pastori hanno voluto affrontare la questione chiedendo che la Conferenza Generale apra all’ordinazione delle donne al ministero pastorale, oppure che lasci libere le Unioni di procedere in tal senso, se lo desiderano.

N. A.: Quindi, le donne avventiste stanno per vincere una battaglia importante?
D. B.: Me lo auguro, e mi dispiace che ci stiamo occupando di tale questione dopo così tanti anni in cui le donne avventiste hanno lavorato ad altissimi livelli. Sembra strano, ma una donna, Ellen White, ha svolto un ruolo fondamentale nella nascita della Chiesa avventista. Fin dagli esordi del movimento, la partecipazione femminile fu così rilevante da far temere a qualcuno che ciò avrebbe screditato il movimento stesso. Addirittura, nel 1868, Ellen Lane fu la prima donna a ricevere un’autorizzazione al ministero (ministerial license, in inglese). Nel 1920 nella Chiesa avventista le donne operavano ampiamente come leader, infatti il 57 per cento delle scuole denominazionali era diretto da donne, così come il 90 per cento dei Segretari-Tesorieri a livello di Conferenza era costituito da donne, mentre 7 su 10 erano editrici di periodici. Poi, man mano che la Chiesa si istituzionaliz zava, scomparivano dalla leadership.

N. A.: E in Italia da quanto tempo operano donne pastore?
D. B.: La prima donna responsabile di comunità la troviamo a Pisa durante la prima guerra mondiale. Si chiamava Francesca Creanza, figlia di un emigrato che nel 1908 rientrava in Italia dagli Stati Uniti proprio per portare in patria la sua nuova fede. Francesca si era preparata al ministero pastorale studiando in Svizzera. Un’altra donna, Marianna Infranco, anch’essa rientrata dagli Usa assieme alla sorella per portare la loro nuova fede in Italia, fu responsabile della comunità di Rossano Calabro nel 1928. Poi, man mano, abbiamo avuto diverse donne che hanno svolto l’attività di assistenti pastorali. Oggi abbiamo delle donne pastore che, come dicevamo prima, sono ordinate a livello locale ma non a livello mondiale. E speriamo che tale anomalia sia superata definitivamente.

Fonte: Notizie Avventiste Anno XVI - Numero 32 – 15.10.2013


















 
 
     
     
 
Consulenza Internet, Preventivo Sito